Formula Uno, Irvine attacca Vettel e Hamilton: le parole dell’irlandese

Pubblicato il: 24 Gennaio 2019

Irvine attacca Vettel ed Hamilton. Eddie Irvine, ex pilota di Jordan, Ferrari e Jaguar ha commentato il campionato 2018 di F1 che ha visto vincere Lewis Hamilton, attaccando non solo il pilota britannico ma anche il tedesco del Cavallino.

Irvine attacca Vettel ed Hamilton, l’irlandese sul tedesco della Ferrari

Nello specifico, l’ex pilota Ferrari in azione al fianco di Michael Schumacher nell’epoca d’oro del Cavallino, se l’è presa in maniera abbastanza pesante con Sebastian Vettel, secondo lui, come secondo molti la ragione principale del mancato iride a Maranello in una stagione che sembrava davvero alla sua portata. “Penso che il tedesco sia forte se è in testa e non deve lottare con nessuno“, ha affermato piccato alla BBC. “Differentemente Ham è molto concentrato sulla gara e sullo stare davanti agli altri piloti”.

In pratica Seb quando è in battaglia si concentra troppo sul suo avversario che sulla sua guida e inevitabilmente finisce contro il rivale, cosa che accade quasi sempre. Per questo lo ritengo un buon pilota, ma non lo vedo come un quattro volte campione del mondo. Credo dunque che sia enormemente sopravvalutato e capace di fare bene una cosa sola. Il talento di Lewis è molto più ampio, di un’altra categoria rispetto a tutti”.

Irvine attacca Vettel ed Hamilton, le parole dell’irlandese su Hamilton

Complimenti ma anche qualche piccola critica per il driver di Stevenage, da parte dell’ex campione iralandese che ha dichiarato: “Non è ancora allo stesso livello di Michael Schumacher, anzi non penso che sia nemmeno vicino. Ha la macchina migliore, inoltre ci sono più gran premi e il livello della competizione è discutibile“.

Il pensiero di Irvine conferma che nonostante le vittorie di Hamilton, per lui il migliore della storia del Circus, resta il suo vecchio compagno di squadra Schumacher: “Probabilmente Hamilton è più bravo nei sorpassi, ma sul fronte passo e costanza nell’arco di un weekend o di un anno, non penso che nessuno possa toccare l’asso di Kerpen, neppure Senna“.


Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email

TAG: