Tesla Model X, l’americana sposta un Boing 787 Dreamliner: è Guinness World Record

Pubblicato il: 17 maggio 2018

Tesla Model X Boeing 787 Dreamliner spostato dalla vettura americana per 300 metri: entra nel Guinness World Recod per il “rimorchio più pesante trainato da un veicolo elettrico di serie”

Non capita tutti i giorni vedere un’auto di serie trainare un’aereo. Qualcosa che si è già sicuramente visto circa una decina di anni fa, quando una Volkswagen Touareg riusci a trainare un Boeing 747. Adesso a riuscire in questa particolare impresa è stata la Tesla Model X, la nuova vettura elettrica della casa di Elon Musk.

Nella versione P100D, la vettura completamente elettrica è riuscita a spostare l’aereo è il Boeing 787-9 Dreamliner, contenente a bordo “una piccola quantità di carburante”, senza però alcun passeggero. Nonostante americana sia stata omologata per trainare al massimo 2.500 kg, l’automobile è riuscita a trasportare l’aereo dal peso di 130 tonnellate per circa 300 metri.

Tesla Model X Boeing 787 Dreamliner, è Guinnes World Record

Questo tragitto, visibile nel video in testa all’articolo, è stato sufficiente per far entrare Tesla nel Guinness World Record, per “il rimorchio più pesante trainato da un veicolo elettrico di serie”. Sarà una nuova frontiera di record per le case automobilistiche, dopo quelli più classici di velocità al Nurburgring e non solo? Lo vedremo, anche se questo primato è arrivato nell’ambito di una partnership tra l’azienda americana e Qantas, famosa compagnia aerea australiana.

La Tesla Model X P100 D è spinta da un power train elettrico, con una potenza complessiva di 611 CV e 970 Nm di coppia massima, con l’accelerazione da 0 a 100 chilometri orari in appena 3,1 secondi ed una velocità massima di 250 km/h, anche grazie ad un ottimo coefficiente di penetrazione aerodinamica di 0.24. Il SUV elettrico di Musk può percorrere 542 chilometri con un solo ciclo di ricarica, secondo quanto dichiarato dal marchio statunitense.


Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email

TAG: