Sicurezza stradale: stop alle segnalazioni di autovelox, tutor e radar, “sono pericolose”

tutor-autostrada

Un nuovo decreto legge potrebbe cambiare per sempre la sicurezza stradale.

Cari automobilisti fate molta attenzione perché in futuro le cose potranno complicarsi, e non di poco. È attualmente in fase di studio un nuovo decreto legge che impedirebbe qualsiasi segnalazione di autovelox, tutor e radar sulle strade italiane: in altre parole non solo potrebbero sparire i cartelli che ci indicano che quel tratto di strada è soggetto a controllo elettronico della velocità, ma diventerebbero ininfluenti anche i navigatori e le app che quotidianamente vengono aggiornati per indicarci i luoghi dove si trovano gli autovelox.

Secondo il Procuratore Generale di Roma Giovanni Salvi “il fatto di segnalare con anticipo un controllo di polizia è una cosa illogica e che molte volte rende di fatto inutile il pattugliamento. Levare queste segnalazioni preventive rimetterà legalità sulle nostre strade: deve passare il concetto che gli automobilisti devono sempre viaggiare entro i limiti di velocità, non solo quando ci sono i controlli” ha affermato.

Secondo le forze dell’ordine infatti quando un autovelox o un tutor viene segnalato, o dai cartelli o dal navigatore, gli automobilisti non utilizzano un atteggiamento più prudente, anzi, effettuerebbero manovre pericolose mettendo a rischio se stessi e gli altri. Sono frequenti infatti i casi di tamponamenti improvvisi causati da manovre azzardate e apparentemente senza senso (avete mai visto, ad esempio in autostrada, conducenti che frenano improvvisamente sotto le “porte” del tutor?)

Le strade dove viene controllata elettronicamente la velocità , ormai note e segnalate, sono ben conosciute dai viaggiatori abituali. Infatti, in particolare sulle autostrade, è stato notato come gli automobilisti rispettino i limiti di velocità solo ed esclusivamente nelle zone controllate.

Se questo decreto legge dovesse passare le cose, siamo pronti a scommettere, cambieranno di sicuro. In ogni caso: state sempre attenti e guidate sempre entro i limiti di velocità.


Condividi l'articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

TAG: