Seggiolino anti-abbandono obbligatorio, Toninelli annuncia: “Detrazioni fiscali fino a 200 euro”

Pubblicato il: 24 luglio 2018

Seggiolino anti-abbandono obbligatorio, il dispositivo a partire dal prossimo autunno. Il Ministro Toninelli: “E’ prioritario mettere un argine al triste fenomeno dell’abbandono dei bimbi in auto”

Lo aveva annunciato qualche giorno fa il Ministro dei Trasporti Danilo Toninelli, che una delle sue priorità era porre un freno all’infelice fenomeno  dell’abbandono dei bimbi in auto. Troppe le morti di piccoli, dimenticati sotto il sole, per ipotermia e disidratazione, indispensabile l’intervento.

Nel corso della trasmissione su Radio24, il Ministro è tornato sulla questione, prospettando l’inevitabile modifica dell’art. 172 comma 4 del Codice della Strada, quello che regola l’impiego dei sistemi di sicurezza (quali sono i seggiolini), ai quali andrebbe aggiunta una parte dedicata ai congegni anti-abbandono.

Preoccupante il fenomeno, che negli ultimi anni registra numeri di non poco conto nel nostro paese: otto nell’ultimo decennio. Negli Stati Uniti, in 20 anni sono stati circa 800 mentre in Francia 27 a cavallo tra il 2006 e il 2007.

Seggiolino anti-abbandono obbligatorio: Come riesce questo sistema ad avvertire il genitore di aver dimenticato in auto il proprio figlio?

ll futuro dispositivo consterà di un sensore integrato collegato direttamente  alla chiave della vettura che invierà un alert sonoro, tramite connessione Bluetooth, allo smartphone del genitore per segnalare la  dimenticanza. Dopo la prima installazione dunque, lo smartphone e il seggiolino si connetteranno in automatico, scambiandosi informazioni che produrranno differenti allarmi. Il primo scatta quando il telefono si allontana di qualche metro dall’automobile.

Successivamente, se il bimbo rimane sul seggiolino senza intervento, scatta il secondo allarme, che consiste nell’invio di sms ai numeri di emergenza preimpostati, con tanto di geolocalizzazione dell’autovettura. Congegni non troppi costosi, annuncia Toninelli che a riguardo sottolinea: “Quelle poche decine di euro che madri e padri dovranno spendere lo faranno con gioia.” 

Stando alle parole di Toninelli l’intervento sarà realizzato in tempi brevi, probabilmente a partire dal prossimo autunno, così come è probabile la presenza di un incentivo per andare in contro alle famiglie: “Penso che lo Stato interverrà con una detrazione fino a 200 euro. Siamo dalla parte dei cittadini ma è una norma fondamentale.”


Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email

TAG: