Renault Scénic, il monovolume francese arriva alla sua quarta serie

Pubblicato il: 28 marzo 2018

Sulla quarta serie della Renault Scénic è stato installato un nuovo motore con iniezione diretta, nato dalla collaborazione del produttore francese con Nissan e Daimler

Una vettura compatta dalla linea moderna e filante. Così e come si presenta la quarta serie della nuova Renault Scénic, che riprende alcune forme della R-Space del 2011. Nonostante la sua grandezza (circa 20mm in più rispetto alla terza serie) il volume compatto della casa francese è davvero maneggevole, anche grazie ai cerchi da 20” (di serie) su cui si poggia e sul quale possono essere installati degli pneumatici Goodyear nella misura unica 195/55 R20 sia per l’anteriore che posteriore. Gomme grandi e larghe che aumentano i consumi, ma non in questo caso visto che sono state create ad hoc per la vettura francese, che assume anche un carattere da crossover.

Queste fanno risultate lo sterzo leggero e consentono una buona guida sia a basse che alte velocità. Bello l’anteriore dove padroneggia il simbolo della casa transalpina, su una mascherina davvero sottile che collega i due ampi fari a forma di C dotati della tecnologia LED Pure Vision, le fiancate presentano nella parte inferiore due grandi protezioni, mentre nella parte posteriore padroneggia l’ampio portellone che permette di accedere al bagagliaio, oltre i gruppi ottici con effetto 3D con la tecnologia Edge Light. Parabrezza spiovente e panoramico, che assicura una migliore visione laterale, che si sposa perfettamente con il tetto panoramico (optional) che garantisce maggiore luminosità.

Renault Scénic, interni moderni per la compatta francese

Passando agli interni, questi sono davvero moderni, anche grazie al cruscotto che è totalmente digitale. Qui padroneggia la console centrale, con il suo schermo R-Link 2 da 8.7” in posizione verticale con profili personalizzabili dedicato all’infotainment, navigatore con Live TomTom e TomTom Traffic, collegamento smartphone, uso di app come Coyote, e non solo. Il tutto si collega con la leva del cambio rialzata – che permette un facile cambio di marcia – ed una gran quantità di portaoggetti che si aggiungono ai pozzetti posti sul pavimento. Qui si concentrano anche prese USB, AUX e quella da 12 volt. Bello il quadro strumenti full TFT riconfigurabile posto dinanzi al conducente con il suo Head-Up display a colori. Ottimo anche l’impianto audio firmato Bose che riproduce perfettamente musica e suoni grazie alla presenza di 7 altoparlanti ed un subwoofer.

Buon materiale quello utilizzato per sedili – con le sue finiture – e plancia: per quanto riguarda i primi sono dotati della regolazione elettrica in otto modalità oltre alla funzione massaggio e riscaldamento. Tante le dotazioni di serie offerte con l’acquisto della vettura, al quali si aggiungono i tanti optional da installare su richiesta. Buono spazio per cinque persone, visto che l’abitacolo è stato pensato per migliorare la vita a bordo della famiglia. A differenza dei precedenti modelli non ci sono i tre sedili singoli e smontabili, ma un semplice divanetto a due posti insieme ad un sedile – scorrevoli e reclinabili – utili ad ampliare la capacità del bagagliaio. Sedute posteriori che sono ripiegabili grazie alla funzione One Touch Folding

Renault Scénic, motori all’avanguardia per il monovolume transalpino

La Renault Scénic sotto il cofano motore può essere dotata del performante motore 1.6 dCi capace di erogare ben 130 CV e 320 Nm di coppia massima: questo propulsore assicura uno scatto 0-100 coperto in 11,4 secondi oltre ad una velocità massima di 190 km/h. Prestazioni pronte a cambiare anche grazie alle sei diverse mappature che passano dallo sport al più soft, ed arrivano anche alla modalità eco. Cambio manuale a sei marce, che risulta un po’ lungo nella corsa. Nell’ultimo periodo però grazie all’Renault-Nissan, e la collaborazione con Daimler, la casa francese ha dotato la vettura del nuovo 1.300 turbo a iniezione diretta, derivato dal precedente 1.200.

Al momento è stato utilizzato per la Renault Scénic. Grazie a particolare accorgimenti come gli iniettori posti al centro della camera di combustione, capaci di immettere benzina a 250 bar sfruttando sei fori, oppure l’utilizzo del turbo con un valvola waste gate a comando elettrico, che assicura una maggior precisione d’intervento, hanno permesso di ottenere un abbattimento dei consumi pari all’8% rispetto al 1.200 Tce. Disponibile nella versione 115, 140 e 160 cavalli, questo propulsore si aggiunge ai 1.5 dCi da 95 e 110 CV a gasolio, e quello 1.5 dCi 110 CV per la versione ibrida.


Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email

TAG: