Pneumatici Vredestein: gomme primo equipaggiamento per Volkswagen, Seat e Ford

Gli pneumatici Vredestein sono stati scelti come gomme di primo equipaggiamento da Volkswagen, Seat e Ford per alcuni modelli della propria gamma auto

Cresce ancora di più Apollo Vredestein, ossia la filiale europea della compagnia indiana Apollo Tyres, riguardo il suo utilizzo nel segmento del primo equipaggiamento vettura. Definiti infatti tre prestigiosi accordi con tre compagnie prestigiose come Volkswagen, Seat e Ford.

Infatti gli pneumatici Vredestein saranno gomme di primo equipaggiamento su tre modelli come Volkswagen PoloSeat IbizaFord EcoSport“Voglio congratularmi con il mio team, che ha lavorato instancabilmente per ottenere le approvazioni OE in Europa”, ha dichiarato in modo soddisfatto Neeraj Kanwar, Vice Chairman & MD di Apollo Tyres Ltd.

Pneumatici Vredestein per Volkswagen PoloSeat Ibiza e Ford EcoSport

“Entrando nella catena di fornitura di produttori auto che sono leader mondiali, come Volkswagen, Ford e Seat, Apollo Tyres ha intrapreso in Europa un viaggio molto importante. Queste approvazioni OE sono le prime, ma ce ne sono parecchie altre in arrivo. Queste omologazioni OE sono la dimostrazione dell’alta qualità dei nostri prodotti e della nostra attenzione ad un design di livello superiore” ha continuato Neeraj Kanwar.

Riguardo la Volkswagen Polo sarà equipaggiata con una gomma per qualsiasi evenienza: ci sarà l’invernale Vredestein Snowtrac 5, estiva Vredestein Sportrac 5 o quattro stagioni Quatrac 5. Circa Seat Ibiza la gamma include invece Vredestein Sportrac 5 e Quatrac 5, mentre per la Ford Ecosport ci sarà il solo modello Vredestein Sportrac 5.

Un accordo che conferma quanto di buono, la Apollo Tyres sta facendo, soprattutto anche grazie alla nuova fabbrica in Ungheria, che è stata definita come “una delle più avanzate al mondo”. Anche questa avrà il compito di contribuire in modo davvero significativo all’accelerazione della presenza del brand Vredestein come primo equipaggiamento in Europa.


Condividi l'articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

TAG: