Pirelli sviluppa un simulatore per gli pneumatici

Pubblicato il: 14 Febbraio 2020

Grazie all’esperienza della Formula 1, il marchio italiano ha messo a punto una tecnologia che permette di produrre gomme riducendo notevolmente i tempi di sviluppo.

Grandi novità per Pirelli: il produttore italiano ha creato un simulatore per sviluppare nuovi pneumatici. Si tratta di una tecnologia in grado di migliorare sensibilmente le fasi di sviluppo riducendone i tempi. Secondo gli esperti di Pirelli infatti grazie al nuovo simulatore, per sviluppare nuove gomme, si impiega in media il 30% di tempo in meno. Parliamo sia di pneumatici stradali, sia di gomme motorsport.

Da un comunicato Pirelli fanno sapere che con la simulazione è possibile modificare rapidamente “i parametri durante lo sviluppo e lo scambio di informazioni digitali tra noi e le case auto diventa istantaneo”. Insomma una nuova frontiera nella progettazione degli pneumatici che offrirà prodotti sempre più performanti e costruiti in minor tempo.

Il simulatore funziona così: viene installata nel software l’auto del produttore, o meglio, il suo modello virtuale, e su questa si basano tutti i test. Gli ingegneri e meccanici Pirelli poi studiano un prodotto ad hoc che risulti perfetto per l’auto in questione. Il simulatore Pirelli inoltre è in grado di abbattere gli sprechi riducendo le produzioni annuali di prototipi. In tal modo il progetto sposa la causa della sostenibilità del marchio, che mira alla salvaguardia dell’ambiente.

Parlando del reparto tecnico il simulatore è stato creato da VI-grade, ha uno schermo cilindrico di 210° e riproduce perfettamente circuiti e condizioni di guida. Il simulatore presenta una vettura al centro che risponde ai comportamenti su strada delle auto, offre cioè le stesse sensazioni al conducente. Il software è gestito da una control room che inserisce, di volta in volta, i differenti parametri di veicolo e pneumatico, in modo da monitorare ogni test.


Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email

TAG: