Pagani Huayra Lampo, ecco la supercar esemplare unico

Pubblicato il: 26 dicembre 2017

Progettata insieme alla Garage Italia Customs, è stata richiesta appositamente da un collezionista facoltoso.

Quando si parla di sapersi distinguere in termini di auto, e in particolare supercar, c’è la gara a chi riesce ad essere più unico che raro. Come dimenticare ad esempio la Ferrari Venice Station Wagon voluta dal sultano del Brunei o quella in livrea oro posseduta dal campione di kick-boxing Riyadh Al-Azzawi?

Ebbene, in fatto di particolarità entra in questa classifica a pieno diritto la Pagani Huayra Lampo, esemplare unico. Evidentemente al proprietario di questa supercar non era sufficiente possedere una delle esclusive Huayra e ha così voluto fare di più ordinandone un modello su misura, scelto appositamente e sviluppato insieme alla Garage Italia Customs di Lapo Elkann grazie al programma Uno di Uno di Pagani, che promuove la progettazione di esemplari unici per andare incontro alle esigenze di ogni singolo cliente. E così è nata la Pagani Huayra Lampo, una supercar che ricorda da lontano la Fiat Turbina del 1954 con la sua livrea bianco-rossa.

Grazie agli stilisti dell’azienda di Elkann si è potuto lavorare su interni, telaio e carrozzeria cercando di donare più brillantezza alla supercar modenese. Sulle prese d’aria laterali spicca il Tricolore italiano che forma tre lampi e si allunga fino ai fanali posteriori. Gli interni sono stati modificati con rivestimenti in pelle con trama 3D e dettagli in alluminio anodizzati con effetto bronzo.

Le prestazioni della Pagani Huayra Lampo sono addirittura migliori della vettura di serie grazie a due nuovi convogliatori che permettono di far giungere più aria al sistema di raffreddamento, alle appendici aerodinamiche e alle nuove griglie d’aerazione. Sotto il cofano c’è sempre il V12 biturbo 6.0 da 700 cavalli che permette di lanciare l’auto fino a 370 km/h di velocità massima. Per mettere a punto quest’auto esclusiva sono stati necessari 2 anni e Pagani non ha rivelato il prezzo al quale è stata venduta ma siamo pronti a scommettere che si è trattato di una cifra con molti zero.


Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email

TAG: