Nuova mescola degli pneumatici brevettata da Pirelli

Pubblicato il: 22 Giugno 2015

La Pirelli ha creato una nuova mescola di pneumatici in collaborazione con i ricercatori dell’Università Bicocca di Milano. Grazie alle loro ricerche si è riuscito a brevettare una nuova particolare mescola di nanoparticelle di silice con una forma allungata che va a migliorare il grip dei pneumatici, diminuendo allo stesso tempo usura e abrasione, e ovviamente i consumi della vettura.

Il brevetto della nuova mescola è arrivato dopo tre anni di studi ed è il frutto di una collaborazione che, oltre a Pirelli e alla Bicocca (con il dottorato di ricerca in Scienza e Nanotecnologia dei Materiali), ha portato i contributi dell’Università di Praga.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Soft Matter della Royal Society of Chemistry per merito del team di esperti capitanato da Roberto Scotti, professore associato di chimica generale e inorganica, Massimiliano D’Arienzo e Barbara Di Credico, ricercatori del Dipartimento di Scienza dei Materiali, e Franca Morazzoni, professore ordinario di chimica generale e inorganica, insieme ai ricercatori del gruppo R&D di Pirelli Tyre diretti da Thomas Hanel.

La nuova mescola presenta particelle di silice, in maggioranza dalla forma sferica, che sono state inserite insieme alla silice non sferica così da migliorare il rinforzo delle gomme. In questo modo la silice aderisce meglio al polimero, caratteristica che aumenta la quantità di gomma che viene intrappolata tra le nanoparticelle, che significa migliore aderenza sull’asfalto nella misura del 5% rispetto alle silici tradizionali.

Un risultato “frutto della collaborazione tra Università e industria, dimostra quanto sia forte la ricaduta della ricerca sul territorio e sulle sue imprese. In particolare, questa ricerca è stata finanziata dal consorzio CORIMAV, il Consorzio per le ricerche sui materiali avanzati, frutto della collaborazione tra Pirelli e Bicocca, ormai consolidata da anni” ha affermato Franca Morazzoni.


TAG: