Livorno, non paga il parecchio e riceve 17 multe: “Così ho risparmiato”

Pubblicato il: 12 Aprile 2019

Multe auto a Livorno che sembrano essere ben accette da qualcuno. Sicuramente dal protagonista di questa curiosa vicenda accaduta nella cittadina toscana.

Multe auto a Livorno, un SUV raccoglie 714 euro di verbale

Trovare parcheggio e pagarlo è sempre più spesso difficile e allo stesso tempo dispendioso. Ecco che il protagonista di questa storia ha deciso di alleggerire il costo del parcheggio in modo molto curioso. Ha infatti deciso di lasciare da mesi e mesi il suo SUV in un parcheggio a pagamento in Via Forte Dei Cavallereggi a Livorno.

Auto lasciata in sosta senza pagare il parcheggio dallo scorso 15 febbraio e che hanno portato la Municipale a lasciare numerose multe sul vetro. Al momento vi sono ben 17 multe, pari a quarantadue euro a verbale, per un totale di 714 Euro. Questa la cifra presente al momento, visto che a causa del vento o delle condizioni metereologiche avverse, molte saranno volate altrove.

Multe auto a Livorno, le dichiarazioni del proprietario del SUV: “Ho risparmiato!”

Il quortidiano Il Tirreno ha cercato di contattare il proprietario dell’auto, ormai noto e ben visibile sulle tante contravvenzioni che stazionano ormai da tempo sul vetro posteriore della vettura. Il proprietario della vettura ha però deciso di non rilasciare dichiarazioni, nonostante sia al corrente di queste numerose multe.

Il cittadino di Livorno ha però spiegato il perché lasciare la vettura nonostante le tante contravvenzioni. Molto semplice. La somma da pagare al parcheggio per tutti questi mesi sarebbe stata superiore alle multe ricevute. La matematica però non è il forte di quest’uomo. Infatti il costo mensile per lasciare l’auto in sosta è pari a 140 Euro. Visto che ogni verbale costa all’uomo 42 Euro per multa – dopo 5 giorni scade la possibilità di pagare 29 euro – e che molti verbali sono andati perduti, forse pagare il parcheggio non era proprio male.


Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email

TAG: