Mille Miglia, lo spettacolo è sempre assicurato

mille_miglia

Pubblicato il: 27 Maggio 2016

Si è conclusa la trentaquattresima edizione della Mille Miglia con 450 auto storiche che hanno svolto l’itinerario Brescia-Rimini-Roma-Parma-Brescia.

 

Un appuntamento ormai storico, consolidato, emozionante. La Mille Miglia porta con sé un alone di magia intrinseco che ogni anno ci fa stropicciare gli occhi davanti alla carovana di auto che percorrono le strade del nostro stivale. Nell’edizione appena conclusasi si sono contati 900 equipaggi provenienti da tutto il mondo e ben 450 auto storiche, tutte costruite prima del 1957. Secondo il regolamento infatti si possono iscrivere alla Mille Miglia solo auto ed esemplari che vi hanno già partecipato nelle edizioni dal 1927 al 1957. In altre parole un museo a cielo aperto o, come lo definì il grande Enzo Ferrariil museo viaggiante unico al mondo”. Tra le auto presenti segnaliamo la Ferrari 340 che vinse l’edizione del 1951 con Gigi Villoresi, l’Alfa Romeo 6C 2300 Pescara, all’epoca di proprietà di Benito Mussolini, che partecipò nel 1936 con a bordo Ercole Boratto, l’autista del duce. In tutto 47 Alfa Romeo, 41 Mercedes, 38 Fiat, 24 Lancia, 54 Jaguar, 38 Porsche, 20 Bugatti, 19 Aston Martin e 23 Ferrari. A dare manforte alle auto in gara c’erano anche altre 150 automobili (prodotte dopo il 1957) che partecipavano al “Ferrari Tribute to Mille Miglia” e al “Mercedes-Benz Mille Miglia Challenge” riservati, ovviamente, a Ferrari e Mercedes.

La partenza di quest’anno si è tenuta a Brescia e le quattro tappe hanno toccato le città di Ferrara, Ravenna e Rimini per la prima tappa, Senigallia, Civitanova Marche, San Benedetto del Tronto, Roma per la seconda tappa, Viterbo, Siena, Firenze, Bologna, Modena, Reggio Emilia, Parma per la terza e poi via di nuovo verso Brescia per la conclusione. 1.718 chilometri, pubblico festante e tanti momenti da ricordare, come ad esempio la sfilata nel centro storico di Roma, tra Piazza Venezia e i Fori Imperiali, i mitici passi della Futa e della Raticosa, le prove sul tracciato sopraelevato dell’Autodromo di Monza, e poi l’arrivo nell’incredibile cornice di Viale Venezia a Brescia. Quest’anno la vittoria è andata ad Andrea Vesco e Andrea Guerini a bordo dell’Alfa Romeo 6C 1750 GS Zagaro del 1931, un successo che arriva dopo la seconda posizione dello scorso anno. Il secondo posto se l’è aggiudicato il team bresciano di Luca Patron ed Elena Scaramuzzi sulla OM 665 Superba del 1926 mentre il terzo gradino del podio è andato a Giordano Mozzi e Stefania Biacca su un’altra Alfa Romeo 6C 1500 GS del 1933. Il premio Coppa delle Dame, riservato agli equipaggi esclusivamente femminili, è andato a Silvia Marini e Saskia Stoeckkelmann su Riley 12/4 Sprite del 1936.

La Mille Miglia non è soltanto una gara di auto d’epoca ma molto di più. È il simbolo “del progresso tecnico, sociale ed umano, e noi facciamo bene a celebrarla, perché questa rievocazione del passato aiuta il futuro” per utilizzare le parole di Giannino Marzotto, vincitore di ben due edizioni della Mille Miglia, nel 1950 e nel 1953.

Una gara senza tempo che appassiona e che colpisce.

Noi c’eravamo e per farvi assaggiare il clima della Mille Miglia vi proponiamo una lunga gallery dove si possono ammirare alcune auto che vi hanno partecipato. Buona visione!


Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email

TAG: