Meglio due set di pneumatici estivi-invernali che un 4 stagioni

Pubblicato il: 18 luglio 2016

Cambiare treno di gomme ogni due stagioni è preferibile rispetto alla scelta degli pneumatici 4 stagioni.

Secondo le analisi di mercato degli ultimi anni agli automobilisti piace scegliere un treno di gomme 4 stagioni che duri tutto l’anno per non avere l’incombenza di fare il cambio gomme e risparmiare sugli pneumatici. Nel 2015 gli pneumatici 4 stagioni venduti sono stati il 23% del mercato totale, in crescita del 300% rispetto ai dati dell’anno precedente. Un trend che può essere spiegato con i tantissimi nuovi modelli di gomme 4 stagioni arrivati sul mercato che offrono ottime prestazioni sia durante la stagione estiva che in quella invernale. I produttori di pneumatici hanno sviluppato sempre più nuovi modelli che potessero andare incontro alle esigenze dei conducenti, e la mossa si è rivelata azzeccata. Se prima infatti i consumatori erano titubanti all’acquisto di pneumatici 4 stagioni, ora invece, come indicato dai dati di mercato, è proprio il contrario.

Vi sono moltissimi prodotti 4 stagioni che assicurano prestazioni da urlo e secondo i test effettuati in tutto il mondo nel podio dei migliori pneumatici adatti a tutto l’anno vi sono gli Michelin CrossClimate, gli Nokian Weatherproof e gli Goodyear Vector G2. Questi tre, ad esempio, hanno fatto registrare prestazioni, in estate, che non hanno nulla da invidiare a prodotti sviluppati ad hoc per la calda stagione, anzi. Stesso discorso per le caratteristiche invernali: essi, anche in caso di neve e ghiaccio, possono competere con i prodotti di categoria. Il segreto di prodotti come questi sta nella lunga ricerca delle aziende produttrici e in alcune caratteristiche comuni: essi, ad esempio, dispongono di un disegno del battistrada direzionale con scanalature a freccia, in tal modo l’aderenza e la potenza di frenata su manti innevati e ghiacciati è massima.

Ma c’è un dettaglio che molti conducenti che montano i 4 stagioni ignorano. Questi prodotti possono garantire tutto l’anno ottime prestazioni, a patto che ogni 10-15mila chilometri vengano invertiti. Questa pratica è comune con gli pneumatici invernali o estivi ma spesso dimenticata per i 4 stagioni. La loro manutenzione infatti è tanto importante quanto quella degli altri pneumatici, ragion per cui correte dal vostro gommista di fiducia ogni 10mila o 15 mila chilometri e fateli invertire, ne guadagnerete in prestazioni, sicurezza e longevità. Ad esempio chi usa pneumatici 4 stagioni e non fa invertire le gomme può andare incontro a spazi di arresto non ottimali, ad una marcia rumorosa e prestazioni poco più che mediocri. Ed attenzione al risparmio perché gli pneumatici 4 stagioni costano, in media, il 10-20% di più (a parità di prestazioni) rispetto a quelli invernali o estivi e durano di meno.

Insomma va bene optare per un treno di gomme 4 stagioni che duri tutto l’anno, a patto che si facciano controllare spesso e invertire ogni 10-15mila chilometri.

Per approfondire il tema potete leggere questo articolo.

 

 

foto da iltempo.it


Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email

TAG: