MotoGP, Marquez: “Continuerò a correre con questo stile”

Pubblicato il: 11 aprile 2018

Marquez contro Valentino Rossi, anche dopo qualche giorno il GP d’Argentina: “Preferisco non commentare queste dichiarazioni

Nonostante sia passato qualche giorno dal Gran Premio d’Argentina, non si placano le polemiche tra Marc Marquez e Valentino Rossi. Lo spagnolo in Brasile per un evento promozionale legato al Team Estrella Galicia, anziché continuare sulla strada della pace, ha rincarato la dose: Non cambierò il mio modo di correre in pista. L’ho sempre fatto con la massima intensità e andrò avanti così”.

Lo spagnolo sa bene di aver pagato il prezzo degli errori durante la gara, ma li ha riconosciuti, andando a porgere la mano di scuse al suo avversario. “Sfortunatamente sul tracciato di Termas de Rio Hondo sono venuto a contatto con la moto di Rossi e quando ho cercato di entrare nell’interno è caduto” le parole di Marquez dette all’agenzia brasiliana Efe.

Marquez contro Valentino Rossi: “Rossi? Come un pilota qualcuno”

Ho capito l’errore, ho chiesto scusa e sono stato penalizzato. Quando mi sono tolto il casco la prima cosa che ho fatto è stato proprio andare da lui e chiedergli scusa. Ho commesso uno sbaglio che può succedere a tutti, perchè ci spingiamo sempre al limite, ma sono tranquillo perché alla fine è stato un errore e l’importante è imparare da esso”.

Nelle dichiarazioni post gara Valentino Rossi ha criticato con durezza il pilota spagnolo additandolo come “pericoloso” e “senza alcun rispetto da parte dei suoi rivali”. Marc Marquez ha preferito non replicare a quelle dichiarazioni: “Preferisco non commentare queste dichiarazioni. E’ ancora un momento troppo ‘caldo’ per farlo. Ma tutti i piloti in qualche momento della loro carriera sportiva hanno commesso questo tipo di errori. Tutti noi piloti siamo andati in un altro box a chiedere scusa… Cerco sempre di capire e analizzare tutto, ma alla fine Valentino è uno come gli altri in pista”.


Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email

TAG: