Lambretta V-Special, un nuovo scooter per festeggiare i 70 anni

In occasione dei suoi 70 anni, la casa di moto italiana è tornata con la Lambretta V-Special: la nuova famiglia di scooter disponibile in tre cilindrate

La Lambretta celebra il suo 70esimo compleanno, regalandosi un modello tutto nuovo. Corpo in acciaio, ma pannelli intercambiabili insieme a delle decorazioni in alluminio che regalano un design tutto particolare. Si tratta della Lambretta V-Special, da molti soprannominata Vendetta, il nuovo modello o meglio la nuova famiglia di scooter creato di Kiska (studio che collabora anche con KTM e Husqvarna) in collaborazione con la community italiana Lambretta.

Si tratta di una rivisitazione in chiave moderna di alcuni elementi Lambretta, per un nuovo gioiellino pronto a sfrecciare su strada e disponibile in tre cilindrate: 50, 125 e 200. Per questi famiglia V-Scooter – V50, V125 e V200 – la particolarità è il pannello laterale a doppio strato intercambiabile in diverse forme colori, poste su un’architettura semi-monoscocca in acciaio grande 1,2 mm di ispirazione aerodinamica. A queste sensazionali creazioni, ecco che Lambretta V-Special arriverà nel 2018 con una motorizzazione elettrica.

Lambretta V-Special e non solo: il ritorno della GP 200 e SX 200

Lambretta però non guarda solo al futuro, ma pensa anche al suo passato. Come? Con la reintroduzione dei classici modelli, quelli più famosi ovvero GP 200 e SX 200 ma in una nuova versione Euro 4 ed elettrica. Con il ritorno di questi modelli, la casa di moto italiana è pronta ad accontentare una parte di lambrettisti irriducibili, che puntano ad espandere la loro collezione con versioni aggiornate.

Tanti infatti sono i modelli Lambretta provenienti da Cina, India e Thailandia, che hanno portato la Innocenti SA, azienda madre della Lambretta, ha prendere una posizione severa nei confronti di tutte le  copie e dei relativi distributori con marchio Lambretta, evitando che questi falsi, possano compromettere la storia del marchio.


Condividi l'articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

TAG: