Lamborghini Aventador SVJ, è l’auto stradale più veloce al Nurburgring

Pubblicato il: 27 luglio 2018

Lamborghini Aventador SVJ Nurburgring è una sentenza: grazie al crono di 6’44″97 la vettura del Toro supera la Porsche 911 GT2 RS e diventa la più veloce auto stradale al ‘Ring

Un crono davvero pazzesco: 6 minuti, 44 secondi e 97 centesimi. Con circa otto secondi in meno della Lamborghini Huracan Performante e ben tre secondi in meno rispetto al giro della Porsche 911 GT2 RS, diventa la vettura stradale più veloce del Nurburgring. Si tratta del tempo, o meglio del super tempo che ha fatto segnare la Lamborghini Aventador SVJ. Era qualcosa che già vi avevamo detto e la supercar di Sant’Agata che ancora deve arrivare sul arrivata sul mercato ed in attesa della presentazione internazionale prevista tra poche settimane alla Monterey Car Week in California, si presenta con un bellissimo biglietto da visita.

In attesa di una sua presentazione, al momento non si conoscono i dettagli tecnici di una vettura destinata a vestire i panni della più potente Lamborghini stradale di sempre. Grazie alle modifiche alla meccanica e l’utilizzo di nuovi materiali composti ultraleggeri gli ingegneri dell’azienda di Sant’Agata Bolognese hanno raggiunto un rapporto peso-potenza incredibile: solo 1,98 kg/CV. L’aerodinamica adotta il sistema ALA 2.0 (Aerodinamica Lamborghini Attiva) – un upgrade di quanto già visto sulla Huracan Performante – in grado di garantire un handling e una downforce mai visti prima su una Lamborghini di serie. 

Lamborghini Aventador SVJ Nurbugring, super prestazione sull’inferno verde

Il telaio è stato irrigidito, lo sterzo migliorato e la trazione integrale è stata ottimizzata per rendere ancora più efficace il sistema a quattro ruote sterzanti. Pirelli ha sviluppato per l’Aventador SVJ dei P Zero Corsa dedicati, anche se per il record sono stati utilizzati dei più performanti P Zero Trofeo R che saranno comunque disponibili come optional a listino. Alla guida il pilota ufficiale Lamborghini Marco Capelli, che ha percorso i 20,6 km del ‘Ring sotto la supervisione dell’intero team di Sant’Agata, dei tecnici Pirelli e del personale di Remak.

Questo dotato di GPS e di un sistema di telemetria, ha potuto segnare e certificare uno sperato record di categoria. Ma la J finale in Aventador SVJ cosa significa, vi starete chiedendo. La J sta per Jota, ossia un suffisso che la casa del Toro, appone per definire tutte quelle auto più performanti che sono orientate al mondo racing. Un pensiero confermato anche dal CEO di Automobili Lamborghini, Stefano Domanicali che ha dichiarato: “Questa nuova auto rappresenta la massima espressione delle tecnologie messe a punto da Lamborghini per la produzione di vetture supersportive, spingendosi ben oltre gli attuali livelli prestazionali di riferimento“.


Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email

TAG: