LaFerrari, in Sudafrica l’hypercar rischia la demolizione

Ferma dal 2014 in un magazzino, una Ferrari LaFerrari in Sudafrica rischia di essere demolita per dei problemi di contrabbando

Sembra destinata alla demolizione una Ferrari LaFerrari in Sudafrica. Un esemplare dell’Hypercar di Maranello potrebbe essere distrutto per problemi di contrabbando. Come riporta Fin24, la storia ha inizio nel 2014 quando il proprietario di questa vettura, cercando di aggirare le leggi di importazione del Sudafrica ha introdotto in modo illegale la sua vettura.

L’auto è stata scoperta e sequestrata dall’autorità, con il proprietario che ha ammesso di aver introdotto l’auto in modo illegale, ma solo perché non avrebbe potuto coprire il prezzo delle tasse nazionali sull’importazione dei beni. Ferrari LaFerrari che quindi da quel momento è rimasta ferma in un magazzino.

Ferrari LaFerrari in Sudafrica: demolizione sempre più vicina?

Le autorità sudafricane però hanno concesso al proprietario di riportare la vettura nella Repubblica democratica del Congo, nazione dal quale proveniva. Il proprietario però ha riprovato a riportare dopo sole 24 ore l’auto in Sudafrica. Come? Passando per il confine con lo Zimbabwe, dove però le forze dell’ordine lo hanno subito bloccato sequestrandogli di nuovo la vettura che adesso è in attesa di novità di nuovo in un magazzino in Sudafrica.

Destino della LaFerrari che ora è legato alle tasse d’importazione, dove in caso di mancato pagamento dal parte del suo proprietario, la supercar italiana verrà demolita per sempre. Prossime settimane decisive quindi per quanto riguarda il futuro di quest’automobile, che da tre anni non riesce a trovare una sistemazione in Sudafrica.

Con una alimentazione ibrida, la prima vettura green del ‘Cavallino rampante’, e prodotta dal 2013 in soli 500 esemplari, destinata a prendere l’eredità della Ferrari Enzo, questa Ferrari LaFerrari in Sudafrica al momento, per il dispiacere degli amanti della ‘Rossa’, sembra destinata a sparire per sempre.


Condividi l'articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

TAG: