La Ferrari non è più il marchio più potente al mondo: scavalcata da Lego

Pubblicato il: 25 settembre 2018

Brand Finance ha stilato la nuova classifica dei brand che hanno più valore: il Cavallino, primo lo scorso anno, oggi è solo nono.

Brutta debacle per il marchio Ferrari: nella classifica redatta ogni anno da Brand Finance il marchio del Cavallino Rampante, che lo scorso anno era primo, si è classificato in nona posizione. La graduatoria riguarda i brand più potenti al mondo e quest’anno la Ferrari risente dei mancati successi in Formula 1 e probabilmente del cambio ai vertici dirigenziali.

Se lo scorso anno Ferrari dominava incontrastata la classifica dei marchi più potenti al mondo quest’anno la medaglia d’oro è andata a Lego, l’azienda danese che fabbrica mattoncini colorati. Il suo appeal sul pubblico, il valore e la crescita negli ultimi tempi ha subito un notevole incremento a tal punto da diventare il brand più potente del mondo con il punteggio di 93.4 su 100. Dietro si classificano Pwx, Red Bull, McKinsey, Unilever, L’Oréal, Burberry e Rolex mentre la Ferrari scende in nona posizione, a pari merito con Nike, con 89.6.

Pesa con ogni probabilità la scomparsa di Sergio Marchionne e l’addio di Luca Cordero di Montezemolo visto che il cambio di dirigenza potrebbe virare dalle politiche del brand e cambiare le carte in tavola. Se finora la Ferrari si era concentrata sul limitare la produzione per mantenere alta l’esclusività del brand il futuro potrebbe essere diverso e così il marchio potrebbe perdere fascino sul pubblico.

Il fatto che Lego guidi una classifica dove i brand tecnologici si fanno sempre più strada è un fattore molto interessante: nella classifica dei brand con più valore è Apple a farla da padrona con 128 miliardi di dollari. Dietro si piazzano Samsung, Google, Microsoft e Verizon mentre tra i marchi che hanno fatto registrare il balzo in avanti più significativo negli ultimi tempi c’è Twitter, che oggi vale 4.4 miliardi di dollari (+185% negli ultimi 4 anni)


Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email

TAG: