La Ferrari 458 Italia conquista lo Speed World Record in Marocco

Pubblicato il: 8 ottobre 2018

Fabio Barone ha fermato il cronometro a 4’42’’65: è il terzo record dopo quelli in Romania e Cina.

La Ferrari 458 Italia pilotata da Fabio Barone si è aggiudicata lo Speed World Record in Marocco fermando il cronometro a 4’42’’65. Il pilota romano sembra ormai un habitué visto che si tratta del terzo titolo da Guinness World Record: in precedenza infatti, sempre a bordo della Ferrari 458 Italia, Barone aveva fatto segnare il record sia sulla Transfagarasan in Romania, sia sulla Tianmen Mountain Road in Cina, quella che in molti hanno definito “la strada più pericolosa del mondo”.

Questa volta Barone e la sua Ferrari 458 Italia si sono lanciati nella Valle del Dades, in Marocco, sbaragliando la concorrenza e fermandosi abbondantemente sotto i 5 minuti: “È stata una grandissima avventura, ma la cosa più importante è che abbiamo regalato all’Italia un grandissimo record” ha affermato il pilota.

Fabio Barone si è ora ufficialmente iscritto nella storia del Motorsport: 3 record incredibili ma forse la sua fama di vittoria non è ancora finita. Considerato dagli esperti del settore “un gentleman driver 2.0 per la ricerca di sfide uniche al mondo”, il pilota romano aveva prima scelto la tortuosissima strada sui Carpazi per testare la sua 458 Italia, poi, col record in tasca, ha voluto provare i 99 tornanti cinesi della Tianmen Mountain Road prima dell’esperienza nella Valle del Dades in Marocco, situata nella splendida catena montuosa dell’Atlante che tocca anche Algeria e Tunisia. Qui si trova una suggestiva strada di 8 chilometri composta da curve e tornanti priva di qualsiasi protezione: «Questa è senza dubbio la strada più pericolosa al mondo. Sono orgoglioso di aver messo a segno questo record e di aver rappresentato l’Italia qui in Marocco. Ringrazio le autorità locali, sua eccellenza l’ambasciatore del Marocco in Italia e tutto il mio team che hanno reso possibile questa impresa» ha detto Barone.


Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email

TAG: