Jaguar E-Pace, il SUV inglese si aggiudica il Car Design Award

Pubblicato il: 12 giugno 2018

Premiato con il Car Design Awward, la Jaguar E-Pace si presenta con numerose novità tecnologiche: tra queste spiccano lo Smart Settings intelligente e le sospensioni Adaptive Dynamics

Aspetto “racing ma allo stesso tempo elegante in tipico stile Jaguar. Così si potrebbe riassumere ila nuova Jaguar E-Pace, ovvero il “medium SUV” del marchio di Coventry che è la seconda proposta “Sport Utility” dopo il debutto nel segmento con F-Pace arrivato nel 2015 e subito prima dell’ambizioso programma I-Pace, che con le sue linee compatte associa anche la propulsione 100% elettrica. Evoluzione di stile e di contenuti tecnologici che portano la casa inglese ad essere la concorrete per la “solita” offensiva high class tedesca.

Jaguar E-Pace che si presenta anche con diverse novità di primo piano. Introduzione dell’inedito kit di sospensioni adattive, nuovo modulo di intelligenza artificiale ma anche dell’unità motrice “Ingenium” a benzina capace di erogare ben 200 CV nella gamma del “compact SUV” di Coventry; e, nello stesso tempo, del primo premioassegnato a Jaguar E-Pace al Car Design Award 2018, nell’ambito del Salone dell’Auto di Torino Parco Valentino, segnatamente nella categoria “Production Cars”.

Con i suoi 4,4 m di lunghezza e i quasi 580 litri di capienza nel vano bagagli (1.234 a sedili posteriori totalmente abbattuti), con l’adozione del display touchda 10.2” utile soprattutto al controllo delle funzionalità dell’infotainment, all’Head-up Display ed alla strumentazione digitale Tft con schermo da 12.3”, la vettura si presenta anche con di sistemi di sicurezza attiva ed ausilio alla guida:Emergency Braking, Lane Keep Assist,  Traffic Sign Recognition, Adaptive Speed Limiter e Driver Condition Monitor. Questa è la base di partenza sulla quale Jaguar E-Pace fa affidamento per il proprio ruolo riguardo al segmento Sport Utility di medie dimensioni, davvero molto ricco di proposte. Nuove funzionalità hi-tech, tra cui spiccano l’adozione delle sospensioni a tecnologia Adaptive Dynamics ed un propulsore della linea “Ingenium” a benzina, di ingresso alla gamma.

Nel dettaglio, indica una nota Jaguar diramata in queste ore, E-Pace viene equipaggiata con il sistema di auto-apprendimento “Smart Settings” esclusivo delle dotazioni più recenti per il marchio di Coventry. Il modulo “Smart Settings”, offerto ad integrazione del dispositivo “Connect Pro Pack” – comprendente, a sua volta, un Hotspot WiFi 4G, il sistema Pro services, il navigatore “Navigation Pro” e il Data Plan con SIM da 500MB al mese, incrementabile, per la durata del periodo di garanzia, per ricevere informazioni in tempo reale su traffico, navigazione door-to-door tramite il proprio smartphone, street view e disponibilità parcheggi -, rileva l’avvicinarsi dell’utente, mediante un sensore contenuto nella chiave così come attraverso il proprio device portatile (segnale Bluetooth). Il sistema di controllo del veicolo stesso regola in autonomia la posizione di seduta, la climatizzazione interna e il sistema d’infotainment in funzione delle consuete esigenze dell’utente.

Jaguar E-Pace, le impostazioni della vettura calcolata dagli algoritmi

Una serie di algoritmi elabora le impostazioni della vettura in base alle condizioni meteo, alla sua posizione, all’orario della giornata e alle “consuetudini” di comportamento del conducente, adattando ad esempio il preriscaldamento del volante e dei sedili nelle giornate più fredde, o il cambio della sorgente multimediale in un particolare giorno della settimana oppure orario della giornata. Per Jaguar E-Pace è possibile avviare fino ad otto profili di configurazione: in questo modo, la vettura risulta ideale anche per le aziende di gestione flotte. A bordo di Jaguar E-Pace nelle versioni equipaggiate con motorizzazione turbodiesel 180 CV e 240 CV e benzina 200 CV (nuovo “Ingenium”), 249 CV e 300 CV, è inoltre presente il sistema di controllo dello smorzamento sospensioni a variazione continua mediante triplo tubo con valvole idrauliche esterne “Adaptive Dynamics”.

Tecnicamente, il dispositivo monitora ogni 2 millisecondi la dinamica del veicolo in qualsiasi condizione di marcia, e ogni 10 millisecondi calcola la conseguente idonea forza di smorzamento delle sospensioni. con questo “set-up intelligente”, che risponde all’istante ai comandi di guida ed alle più varie modifiche del fondo stradale, avviene l’ottimale bilanciamento fra controllo e risposta del veicolo. In più, nel menu delle modalità di controllo dinamico vettura “Configurable Dynamics” che fa parte del modulo “Jaguar Drive Control Systems”, il conducente ha la possibilità di scegliere fra due funzioni di commutazione dell’Adaptive Dampers: “Normal” (più orientata al comfort di marcia) e “Dynamic”, quest’ultima regolata in modo da garantire un controllo ed una tenuta di strada ancora piùelevati, a tutto vantaggio della sicurezza per gli occupanti.

Jaguar E-Pace, la vettura inglese lancia la sfida alle tedesche

Pero ora è disponibile il motore lineup “Ingenium” da 2 litri, che nell’architettura da quattro cilindri e sovralimentazione mediante turbocompressore, ha le stesse tecnologie che sono presenti nel “cuore” degli altri motori Ingenium: si punta ad ottenere nuovi traguardi in materia di potenza, oltre che efficienza termica e risposta ai comandi. Ovviamente qui c’è da segnalare la turbina twin-scroll, che con l’alzata valvole a variazione continua e le camme a fasatura variabile ottiene il massimo dalla vettura. Il motore Ingenium 2.0 che entra a far parte della gamma Jaguar E-Pace (prezzo di vendita che parte da 42.200 euro) è capace di sprigionare una potenza di 200 CV e, su strada, garantendo al “medium-SUV” di Coventry un tempo di 8”2 nell’accelerazione da 0 a 100 km/h.

Una potenza che viene gestita da cerchi da 19” sul quale possono essere montate delle gomme nella misura 235/55 R19 sia per anteriore che posteriore, come gli pneumatici Hankook. L’obiettivo della E-Pace è, guardando quelle che sono le richieste di mercato, che vedono da tempo il segmento SUV e crossover al centro di un corposo “boom”, in special modo in alcune aree-chiave globali (Europa, Cina, USA): dichiarato competitor nei confronti di una fascia di “Sport Utility medium size” – Audi Q3, Bmw X1, Mercedes GLA, Volvo XC40 e la “cugina” Range Rover Evoque, quest’ultima dal canto suo pronta ad un prossimo aggiornamento -, E-Pace si sottolinea per una personale interpretazione di immagine, dichiaratamente sportiva e, contestualmente, inserita nella tradizione di Coventry.

Jaguar E-Pace, vinto il premio Production Car del Car Design Award

Due “voci” in ogni caso vincenti per l’appeal di E-Pace sul pubblico, e che hanno trovato conferma nelle scorse ore con il riconoscimento, assegnato a Jaguar E-Pace, del primo premio nella categoria “Production Cars” al Car Design Award, contest creato nel 1984 dal magazine Auto & Design con l’obiettivo di celebrare i brand automotive che con le rispettive proposte contribuiscono in maniera significativa all’evoluzione del design automobilistico e, da tre edizioni, fra gli eventi che animano il Salone dell’Auto di Torino Parco del Valentino.

La sezione “Production Cars” del Car Design Award che è una delle categorie più importanti, e che mira  alle proposte di design più innovative, accattivanti e sorprendenti della produzione di serie. Per quanto riguarda la Jaguar E-Pace questa vettura ha convinto la giuria di esperti grazie al suo DNA sportivo “tipicamente Jaguar” del corpo vettura, che ha mutuato dalla coupé F-Type, che si abbina a linee ed a proporzioni marcate, fiancate davvero muscolose che conferiscono alla vettura un aspetto particolarmente personale oltre all’agilità dinamica di Jaguar E-Pace.

Jaguar E-Pace, le parole di Ian Callum e Daniele Maver

Il premio è stato ritirato da Ian Callum, responsabile della Divisione Design per Jaguar che ha dichiarato: “Il nostro marchio è entrato da relativamente poco tempo nel segmento SUV, con il ‘lancio’ di F-Pace tre anni fa. Ricevere questo premio per il nostro secondo SUV è un grande onore. Con E-Pace, il nostro obiettivo era di porre l’accento su un design sportivo e dal forte carattere e penso che questo premio possa confermare che ci siamo riusciti. Per un’azienda di auto sportive, ottenere un riconoscimento per la gamma Sport Utility è particolarmente importante e dimostra lo straordinario talento del team design di Jaguar”.

“Per il secondo anno consecutivo abbiamo ricevuto riconoscimenti importanti assegnatoci da una giuria prestigiosa come quella del Car Design Award. Se lo scorso anno Jaguar I-Pace era stata riconosciuta come la migliore nella categoria ‘Concept Cars’, in quest’edizione ha vinto il design inconfondibile di E-Pace che combina le linee da vera sportiva alla praticità di un SUV e che rappresenta per Jaguar l’inizio di una nuova era”, ha commentato il presidente di Jaguar Land Rover Italia, Daniele Maver.


Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email

TAG: