Renault Scenic 2016: tante novità anche per gli pneumatici

renault-scenic

Pubblicato il: 19 luglio 2016

La sua produzione è iniziata di fatto nel 1996, ma la Renault Scenic ha acquisito questo nome solo nel 1999 mentre prima veniva chiamata Renault Megane Scenic. Formalmente la sua storia inizia quindi 17 anni fa, tempo che ha visto evolvere quest’auto con per ben 4 generazioni.

In questo articolo vogliamo concentrarci proprio sull’ultima serie che, sebbene non sia ancora disponibile al grande pubblico, è stata appena presentata all’ultimo salone di Ginevra del 2016. L’anteprima e le promesse fatte da questo nuovo monovolume a 5 posti sono notevoli, per questo abbiamo voluto parlarne cosi da poter arrivare preparati.

Le caratteristiche della Renault Scenic

Il design generale di quest’auto pensata per avere il maggior spazio possibile e per viaggiare con grande comfort, è stato completamente rinnovato rispetto al modello precedente. In particolare il parabrezza ha un aspetto innovativo e, le linee “ondulate” donano un aspetto morbido e armonioso, ma allo stesso tempo aggressivo.

La Renault Scenic, come sempre, ha messo al centro di tutto la praticità ma, l’estetica vuole ricordare quella dei SUV e Crossover. Per ottenere un effetto del genere sono stati scelti addirittura dei cerchi da 20”, che sono piuttosto insoliti per un’auto di questa categoria.

In ogni caso, nonostante le grandi dimensioni delle ruote il comfort non ne risente sia per il fatto che gli pneumatici sono normali (non ribassati), ma anche perché sono state sviluppate delle sospensioni ad hoc per migliorare il comfort e l’assetto.

Le motorizzazioni disponibili

Sotto al cofano gli ingegneri hanno pensato bene in montare motori a benzina o diesel da 1.500cc o 1.600cc che, nei vari modelli, sarà in grado di sviluppare una potenza compresa fra i 90 CV e i 130 CV. Certamente non è una potenza da sportiva ma, vista la filosofia con cui è stata costruita la Renault Scenic, è più che sufficiente per viaggiare senza fastidi.

Dobbiamo poi citare anche il fatto che, per chi cerca la massima efficienza, la casa francese sta già lavorando ad una versione ibrida in grado di accumulare energia in frenata e rilasciarla durante l’accelerazione.

Pneumatici estivi

Le dimensioni scelte dagli ingegneri sono d 195/55R20 che, sul nostro sito potete acquistare a partire da 120 €. Nello specifico le gomme estive Continental EcoContact 5 sono perfette se dovete percorrere molti chilometri anche nelle condizioni più estreme e non volete rinunciare alla vostra sicurezza.

Inoltre, la bassa resistenza di rotolamento riduce il consumo sia del battistrada che del carburante. Per ottenere un risultato simile gli ingegneri hanno svolto un attento lavoro su mescola, struttura, profilo e disegno dello pneumatico, insomma, hanno lavorato duramente per arrivare ad una qualità cosi elevata.

Pneumatici invernali

In ogni caso il marchio tedesco si conferma ai vertici anche per le gli pneumatici invernali che, come i loro cugini, riescono ad avere brevi spazi di frenata, un alto grip e bassi consumi. Nello specifico le gomme di cui stiamo parlando si chiamano Continental Winter Contact TS 850P.

Pneumatici per tutte le stagioni

L’unica situazione in cui l’azienda tedesca perde il primato riguarda gli pneumatici all season, quando le Goodyear Vector 4 Season G2 riescono a fornire il meglio in termini di aderenza, consumi e comfort se volete lasciare le catene a casa e non avete la minima idea di effettuare il cambio di stagione.


Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email