Formula Uno, Peter Sauber: “Alfa Romeo? Solo uno sponsor”

Il fondatore del team svizzero ha però poi aggiunto sulla Alfa Romeo Sauber: “Con l’intervento di Marchionne possiamo stabilizzarci a metà classifica”

S’avvicina l’alba del nuovo mondiale in Formula Uno. Un nuovo campionato pieno di novità sta per arrivare. Tra questi c’è sicuramente il ritorno nel Circus della F1 di un marchio storico come Alfa Romeo, che ha legato il suo nome alla Sauber. Proprio della partnership con il Biscione, ne ha parlato Peter Sauber, fondatore del Team Svizzero ed ex proprietario dal 2016 ai microfoni del quotidiano svizzero Neuer Zurcher Zeitung.

L’ex proprietario ha parlato delle prospettive future, sottolineando come Alfa Romeo sia solo uno sponsor: “Il team non sta cambiando proprietà, Alfa Romeo è semplicemente il title sponsor. Non credo che la squadra verrà riconosciuta come Alfa Romeo. Forse succede in Italia, e questo andrebbe bene perché Alfa Romeo è un nome che suscita passione, ma non vedo il nome Sauber messo in disparte. Vedo l’aggiunta di Alfa Romeo come un chiaro apprezzamento”. 

Alfa Romeo Sauber, il fondatore: “Colpo di fortuna: possiamo stabilizzarci a metà classifica”

“Per la squadra è stato un colpo di fortuna che il tutto sia stato orchestrato da Sergio Marchionne: lui ha una reputazione di grande successo nel settore automobilistico” ha affermato Peter Sauber che si augura che la collaborazione con il Biscione possa portare il suo vecchio team di nuovo in alto in classifica: “Così la situazione fa male. Dovremmo stabilizzarci almeno verso metà classifica, e penso anche che sia possibile riuscirci”.

L’ex proprietario 74enne di Zurigo è tornato poi sulla sua decisione di vendere il team nel 2016“Era importante per me andarmene e non è stato poi così difficile, perché gli ultimi due anni erano stati molto impegnativi”. Una scuderia che ha raccolto buone prestazioni dal 1993, stagione di debutto in Formula 1 prima di vivere anni bui: “Sopravvivere come squadra svizzera per 25 anni in Formula 1 è effettivamente una missione impossibile. Ma oggi la Sauber è la quarta squadra più vecchia dopo Ferrari, Williams e McLaren“.


Condividi l'articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

TAG: