Formula Uno, Isola: “Gomme Pirelli buone anche a Yas Marina”

Il Responsabile Car Racing Mario Isola ha parlato anche delle nuove Gomme Pirelli Pink Hypersoft: “Interessante vedere il suo comportamento”

Sul tracciato di Yas Marina trionfa Valtteri Bottas su Mercedes conquistando Abu Dhabi, ovvero l’ultima gara del campionato di Formula Uno 2017. Una vittoria arrivata anche grazie ad una strategia fatta da una sola sosta che ha visto il finlandese passare dalle gomme ultrasoft a supersoft che gli hanno permesso di mantenere la testa della gara davanti a Lewis Hamilton e Sabastian Vettel su Ferrari che si è piazzato solo al terzo posto.

Anche la maggior parte dei piloti ha effettuato un solo pit stop, con le gomme Pirelli che in gara hanno avuto dei livelli di usura e degrado davvero molto contenuti. Questo hanno visto solo tre piloti partire con pneumatici supersoft ed un solo pilota, ossia Lance Stroll su Williams effettuare ben tre soste.

Gomme Pirelli, le parole di Mario Isola Responsabile Car Racing Pirelli

Dell’andamento delle gomme Pirelli nel GP di Abu Dhabi, ne ha parlato Mario Isola, Responsabile Car Racing Pirelli: “È stata una gara senza sorprese, con Valtteri Bottas che è partito dalla pole e ha vinto meritatamente con un solo pit stop. Avevamo previsto un’ampia finestra per la sosta, e così è stato. Alcuni Team hanno cercato di recuperare posizioni tentando l’undercut sui diretti rivali, senza però riuscirci”.

Il Responsabile Car Racing, ha poi parlato del futuro, del nuovo campionato, dove ci sarà il debutto anche delle nuove Pirelli Pink Hypersoft: “Ora è il momento di concentrarsi completamente sul 2018: martedì e mercoledì i piloti proveranno per la prima volta la nuova gamma di pneumatici che abbiamo presentato giovedì scorso. Le mescole più morbide si adattano bene a questa pista, e sarà interessante vedere il comportamento della nuovissima Pink hypersoft. Dai risultati del test capiremo su quali circuiti portarla il prossimo anno”.


Condividi l'articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

TAG: