Formula Uno, Chris Horner: “La F1 è in ostaggio della Ferrari”

Pubblicato il: 12 marzo 2018

Il team principal della Red Bull Chris Horner ha poi aggiunto: “Marchionne ha mancato di rispetto a Brawn”

Chris Horner accende la sfida con Ferrari in vista della prossima stagione. Il Team Principal della Red Bull però non ha parlato delle monoposto che si sfideranno in pista, ma è tornato a pizzicare la Scuderia di Maranello ricordando le parole di Sergio Marchionne circa il possibile addio della Ferrari dal Campionato di Formula Uno.

Secondo l’inglese, l’idea del presidente del Cavallino circa l’uscita della Scuderia in caso di accettazione di regole per il 2021, che prevedono la standardizzazione di alcuni elementi, e le ultime uscite avute durante l’ultimo Salone di Ginevra 2018, dove Marchionne ha definito la Liberty Media un trio dirigente incompetente per il Circus, sono un mancanza di rispetto per il mondo della Formula Uno.

Chris Horner: “Marchionne manca di rispetto a Brawn”

“Quelle parole sono state una grave mancanza di rispetto nei confronti di Ross Brawn, uno degli ingegneri più di successo della storia della F1. E’ vero, Bernie Ecclestone ha creato questa serie, ma a mio avviso Liberty Media sa perfettamente cosa va fatto e possiede una prospettiva fresca e differente. Che possa essere negativo o positivo per noi, la Ferrari o la Mercedes, sono loro a dover decidere dove portare lo sport” ha affermato l’inglese a El Confidencial.

“E’ inevitabile che vi siano due fazioni. FIA e FOM continueranno a fare i regolamenti e starà alle scuderie capire se restare o andare via. Noi comunque non avremo alcuna influenza. Ovviamente come tutti ci teniamo a vedere la Rossa ancora in griglia. E’ sempre fantastico battagliare contro una squadra così iconica, ma non è giusto tenere un movimento in ostaggio come sta facendo adesso, ha poi aggiunto con tono amaro il manager, che probabilmente sostenitore dei moti carbonari piuttosto del vis à vis.


Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email

TAG: