Formula 1: vince Hamilton tra le polemiche, Vettel penalizzato

Pubblicato il: 10 Giugno 2019

Il pilota della Ferrari commette un errore al 48esimo giro e i commissari di gara gli assegnano 5 secondi di penalità che regalano la vittoria a Hamilton.

Un’altra occasione mancata per le Ferrari: nel Gran Premio del Canada Lewis Hamilton si porta a casa l’ennesima vittoria, anche se con molte polemiche. Sebastian Vettel è stato davanti per quasi tutta la gara ma al 48esimo giro ha commesso un errore: piccolo fuori pista e, nel momento di rientrare sul circuito, il pilota della Ferrari avrebbe ostacolato la Mercedes del campione britannico. La manovra è stata giudicata pericolosa dai commissari di gara che hanno così deciso di penalizzare il tedesco con 5 secondi, distacco che ha così regalato la vittoria ad Hamilton.

La gara prometteva bene per la Rossa: Vettel era partito davanti a tutti, tenendo Hamilton e Leclerc dietro. Il Gran Premio è stato spettacolare sin dalle prime curve con numerosi sorpassi, soprattutto tra Max Verstappen e Lando Norris, che hanno letteralmente infiammato il pubblico. Bottas invece ha sempre guardato da lontano le due Rosse e il suo compagno di squadra, concludendo al quarto posto.

Gli ultimi 30 giri invece hanno visto un avvincente lotta tra Vettel ed Hamilton, che in seguito ha portato all’errore il pilota tedesco. “Meritavamo di vincere oggi” afferma Sebastian Vettel, “Hamilton è stato poco più veloce di me ma siamo rimasti davanti tutta la gara”. Il pilota della scuderia di Maranello non ha preso bene la decisione dei commissari, tanto da spostare il cartellone del 2° posto davanti la macchina di Hamilton. “Sono incazzato. Abbiamo tagliato il traguardo per primi, ieri abbiamo fatto la pole position, abbiamo tenuto dietro Lewis che era il più veloce. Meritavamo di vincere oggi”.

L’unica certezza è che la Ferrari, dopo 7 Gran Premi, è ancora a secco di vittorie e la lotta per il mondiale sembra essere già compromessa.


Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email

TAG: