Formula 1: calendario rivoluzionato per il coronavirus?

Pubblicato il: 28 Febbraio 2020

Si parla di uno slittamento dell’inizio del campionato a maggio a causa dell’emergenza coronavirus.

Prima è saltato il GP della Cina, ora si parla di una clamorosa partenza del campionato rinviata a maggio. Il mondo della Formula 1 sta letteralmente tremando a causa dell’emergenza coronavirus. I team, attualmente impegnati nei test a Barcellona, stanno infatti discutendo di un possibile slittamento di numerose date. In particolare sarebbero a rischio i primi quattro Gran Premi, il che significa che la prima gara del Circus 2020 potrebbe essere il prossimo 3 maggio al GP d’Olanda.

L’epidemia del coronavirus sta mettendo a dura prova molti paesi che hanno stabilito drastiche misure precauzionali per evitare il contagio. Voli bloccati, quarantene obbligatorie e limitazioni degli spostamenti. Per tale motivo i singoli provvedimenti governativi mettono a rischio l’ingresso nei paesi e il corretto svolgimento delle manifestazioni.

Ad essere a rischio sono dunque i Gran Premi di Australia, Bahrein e Vietnam (quello cinese è già stato sospeso). A Melbourne infatti il governo sta discutendo misure restrittive. In Bahrein vi sono già alcuni contagi e il governo sta valutando di bloccare voli provenienti dalle zone infette. Il Vietnam ha bloccato ogni tipo di accesso da Iran, Giappone, Italia e Corea del Sud. Una situazione per nulla semplice, che mette così a repentaglio il corretto svolgimento del campionato di Formula 1. È proprio l’Italia uno dei paesi più colpiti dalle restrizioni. Nel nostro paese infatti vi sono numerosi casi di contagi e le altre nazioni hanno disposti misure di prevenzione per voli e persone provenienti dall’Italia. Nel Belpaese però vi sono le sedi di Alfa Romeo, Pirelli, Brembo e Ferrari, aziende protagoniste del Circus.

La situazione sarà chiarita solo nei prossimi giorni. Le ipotesi sono diverse: cancellare alcuni GP (come accaduto per quello cinese), rimandare tutti quelli asiatici, rivoluzionare il calendario.


Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email

TAG: