Ferrari, ora è crisi: ecco lo sfogo di Arrivabene che sa di disfatta

Pubblicato il: 10 ottobre 2018

Con gli errori nel GP di Suzuka la Ferrari ha definitivamente detto addio al mondiale e sale la tensione tra il team principal e Binotto.

E anche quest’anno si vince l’anno prossimo” verrebbe da dire: a parte il gioco di parole per la Ferrari il 2018 si sta chiudendo nel peggiore dei modi dopo un avvio a dir poco brillante visto che Sebastian Vettel aveva vinto le prime due gare della stagione. Nel GP di Suzuka di Formula 1 infatti a trionfare è stato nuovamente Lewis Hamilton che ha ormai un vantaggio incolmabile sul ferrarista e con ogni probabilità l’inglese conquisterà a breve il suo quinto titolo iridato.

La tensione nel box Ferrari si taglia ormai con il coltello e anche Maurizio Arrivabene ha messo da parte il proverbiale self control con dichiarazioni che sanno di accusa nei confronti di Mattia Binotto, uno dei suoi sottoposti: “Un errore inaccettabile, una decisione presa con coscienza, e questo è anche peggio. Quando sei l’unico a fare un certo tipo di scelta o sei molto furbo o non lo sei affatto. Io davanti a queste figure ci metto la faccia però…” ha affermato in mondovisione.

Arrivabene si riferisce in particolare su una questione tecnica riguardante lo sviluppo della SF71-H che dall’estate in poi ha dato tantissimi problemi e non ha permesso di stare al passo con le Mercedes. Hamilton ha così piazzato la zampata decisiva per il mondiale e per la Ferrari si è fatta notte fonda. A Monza c’è stato la questione aerodinamica che ha creato problemi di blistering, a Singapore è stato l’assetto a dare problemi, nell’ultima gara di Suzuka il nuovo fondo ha definitivamente messo in crisi la Rossa. Forse per tutti questi motivi la pazienza di Arrivabene è terminata e in molti ora si augurano che la proprietà intervenga per dare nuova linfa vitale alla scuderia, dove le tensioni sono ormai alla luce del giorno. Forse è meglio iniziare a guardare già alla prossima stagione, ma per farlo è già ora di agire.


Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email

TAG: