Moto2, Romano Fenati nuovo sponsor per la sicurezza?

Pubblicato il: 20 settembre 2018

Fenati sponsor sicurezza utile anche a riprendere in mano la sua carriera: Carmelo Ezpeleta vuole dare una mano al rider ascolano

Il gesto che non ti aspetti nel gran premio di casa. Un gesto che ha portato il mondo di Romano Fenati a capovolgersi nel giro di pochi giorni. Da talento del motociclismo italiano a carnefice di un delitto che non si è consumato, portando tutti a giudicarlo. Il gesto di Misano è sicuramente da punire, ma la gogna mediatica partita sui social e sui media di tutto il globo è stata enorme.

I provvedimenti per il brutto gesto, sono stati presi. Il team per il quale l’ascolano correva ha deciso di licenziare in tronco il pilota. Anche la Mv Agusta ha deciso di rompere il contratto per il prossimo anno, costringendo il pilota a restare senza team per la prossima stagione. A tutto ciò si è aggiunta la sospensione della licenza e 2 gare di stop nel campionato di Moto2. Decisione della Stewards Panel che ha ricevuto la conferma dalla federazione internazionale.

Fenati sponsor sicurezza, Ezpeleta vuole aiutare l’italiano

Qualcosa però potrebbe presto cambiare per Fenati. Secondo quanto riportato dal quotidiano “Il Resto del Carlino” il pilota in questi giorni sarebbe stato scelto come testimonial per uno spot utile a sensibilizzare il mondo del motociclismo. Uno spot che ha come tema importante quello della la sicurezza in pista. Un gesto utile a far capire allo stesso pilota, l’errore commesso a Misano. Le buone notizie però non finite per Fenati.

Il capo della DORNA, Carmelo Ezpeleta avrebbe deciso di dare una mano al pilota italiano. Lo spagnolo starebbe trovando una squadra a Romano Fenati in vista di Motegi, gara dove la squalifica dell’italiano sarà terminata. Il pilota italiano dopo una stagione da protagonista in Moto3 era passato quest’anno in Moto2 senza però replicare gli ottimi risultati ottenuti nel 2017. Nonostante tutto, la carriera andava per il meglio prima di quel gesto folle nato da un momento di pazzia assoluta.


Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email

TAG: