Eicma 2015: le 5 migliori novità

Pubblicato il: 25 Novembre 2015

L’Eicma 2015 si è ormai concluso e ha lasciato in dote le tante novità proposte al Salone di Milano. Abbiamo raccolto le cinque moto che ci hanno più colpito, chissà se sarete d’accordo con noi.

Una moto che ha lasciato tutti di stucco, e non a caso è stata decretata la “moto più bella di Eicma 2015” è stata la Ducati Xdiavel, la nuova cruiser di Borgo Panigale che miscela sapientemente design, tecnologia e performance. La Xdiavel si presenta con un Testastretta DVT 1262 da 15 cavalli, con la trasmissione a cinghia, l’Inertial Measurement Unit Bosch, il Traction Control, l’ABS Cornering Bosch, il Ducati Power Launch per prestazioni di primo livello in tutte le condizioni.

Oltreoceano spicca la Harley-Davidson Sportster Iron 883, una belva con nuova forcella a cartuccia da 39 mm connessa ad una enorme ruota anteriore da 130. I cultori del marchio americano potranno sceglierla in quattro diverse colorazioni: Charcola Satin, Olive, Gold, Black Denim e Hard Candy Custom Gold Flake con dettagli a fiamme abbinati ai parafanghi neri.

La Kawasaki ha mostrato al mondo il suo nuovo concetto di naked con il suo concept SC-03 Soul Charger. Si tratta di una moto che svela un quattro cilindri sovralimentato con il Balanced Supercharged Engine ridisegnato per diminuire i consumi, una vera chicca che Kenji Tomida si augura di poter utilizzare in altri segmenti.

Dopo 15 anni la MV Agusta Brutale 800 rinnova il suo look e lo fa nel migliore dei modi. Dopo essersi guadagnata il titolo di MV più venduta di sempre con circa 30mila consegne, la Brutale 800 è stata aggiornata con linee più sportive e accattivanti, un serbatoio trapezoidale da 16,5 litri e faro anteriore e frecce in full led. Novità anche per la sella, che si fa in due, mentre lo scarico a tre canne d’organo è più grande. Anche il motore ha subito aggiornamenti: il tre cilindri Euro4 da 116 cavalli è stato dotato di una coppia aumentata del 25%.

KTM ha presentato la sua versione GT della 1290 Super Duke: grazie al nuovo cupolino, le plastiche carenate e l’introduzione di elettronica la celeberrima naked diventa un crossover sportivo. A spingerla troviamo un due cilindri LC8 da 173 cavalli mentre gli interventi più importanti hanno riguardato l’elettronica con l’introduzione delle sospensioni semiattive a controllo elettrinico, l’ABS cornering, il controllo di trazione, quello di stabilità e l’acceleratore elettronico ride by wire.

 

 


TAG: