ContiSense e ContiAdapt, presentati i nuovi pneumatici che “ascoltano la strada”

Al Salone di Francoforte, la casa di pneumatici tedesca ha presentato ContiSense e ContiAdapt, le gomme con sistemi davvero innovativi

Arrivano i primi pneumatici in grado di ascoltare la strada. E’ il nuovo ed innovativo progetto firmato Continental, presentato attraverso due concept al Salone di Francoforte. La casa di pneumatici tedesca ha infatti mostrato due futuri copertoni, ContiSense e ContiAdapt, che saranno in grado di garantire maggiore sicurezza e confort.

I sistemi ContiSense e ContiAdapt assicurano non solo il monitoraggio delle condizioni del pneumatico, ma anche l’adattamento delle caratteristiche della gomma alla situazione e alle condizioni di circolazione prevalenti sul fondo stradale che si sta percorrendo.

ContiSense e ContiAdapt: monitoraggio del pneumatico

L’idea di progettare ContiSense parte dallo speciale sviluppo della mescole di gomma elettroconduttrici che è capace di inviare dei segnali elettrici grazie a dei sensori presenti all’interno del pneumatico, ad un ricevitore installato nell’auto. I sensori di gomma hanno il compito di monitorare continuativamente alcuni parametri come la profondità di battistrada, oppure la temperatura del pneumatico.

Nel caso in cui i valori che vengono registrati risultano superiori o addirittura inferiori ai limiti stabiliti, è in questo preciso momento che il sistema ContiSense avvisa immediatamente l’automobilista con un messaggio. Nel caso in cui penetrasse qualcosa all’interno del battistrada, un particolare circuito nel pneumatico si chiude, lasciando partire subito un allarme, o meglio un warning all’automobilista, per segnalare la foratura della gomma.

L’obiettivo ovviamente è quello di aggiungere ulteriori sensori, in grado anche di funzionare singolarmente, permettendo al pneumatico di raccogliere ulteriori informazioni come neve o temperatura della strada, da comunicare all’automobilista attraverso l’elettronica della vettura o tramite bluetooth su uno smartphone.

ContiSense e ContiAdapt: modifica del pneumatico

Grazie al sistema ContiAdapt, grazie al lavoro dei micro-compressori integrati nella ruota si punta a modificare la pressione pneumatici con l’utilizzo del cerchione a larghezza variabile. Il sistema mira quindi a modificare la misura dell’area di contatto, variando a seconda delle condizioni di strada, uno dei fattori che influiscono circa la sicurezza oltre che il comfort. Quattro diverse combinazioni che garantiscono un perfetto adattamento della gomma in condizioni di strada normali, di fondo bagnato, sconnesso e scivoloso.

Se ad esempio in un area di contatto minore, combinata con una pressione molto alta, si produce una bassa resistenza al rotolamento, si tende a garantire una guida efficiente dal punto di vista energetico su strade lisce e asciutte. Mentre se un’area più ampia di contatto è collegata ad una minore pressione pneumatici, questa assicura una presa ideale su strade scivolose.

Si tratta quindi di un sistema che permette di creare situazioni di pressione molto bassa, anche al di sotto di 1 bar, permettendo così all’auto ad uscire da un’area di parcheggio dove è presente un fondo di neve alta, o magari ad attraversare un tratto ghiacciato pericoloso.

ContiSense e ContiAdapt: attive tre zone del battistrada

Due sistemi davvero innovativi il ContiSense e il ContiAdapt che per il momento sono accompagnate da un concept di pneumatico che permette di sfruttare al meglio e pienamente entrambi i vantaggi dei due sistemi. Guardando il disegno di questa gomma, si prevedono tre diverse zone di battistrada utili sia per la guida su superfici bagnate, ma anche quelle scivolose o asciutte.

A seconda della pressione e della larghezza del cerchio, si attivano le diverse zone di battistrada, con il concept del pneumatico che adotta l’impronta più adatta a seconda della richiesta in ogni singolo caso. Questo comporta che le varie caratteristiche del pneumatico, si modificano e si adattano non solo a secondo delle condizioni stradali, ma anche a seconda delle preferenze.


Condividi l'articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

TAG: