Formula Uno, migliorano le condizioni di Niki Lauda

Pubblicato il: 7 agosto 2018

Le condizioni Niki Lauda sono in netto miglioramento dopo l’operazione ai polmoni della settimana scorsa: uscito dal coma, adesso il presidente onorario della Mercedes respira da solo

Buone notizie arrivano dall’ospedale austriaco dove è attualmente ricoverato Niki Lauda in seguito al trapianto polmonare avvenuto lo scorso 2 agosto. L’AHK di Vienna ha spiegato che l’operazione non è legata alle lesioni dopo il tragico incidente subite dal pilota sul circuito del Nurburgring nel 1976. Il nosocomio viennese ha invece puntualizzato che il decorso sta procedendo in maniera soddisfacente.

Già dal primo giorno in ospedale, l’attuale dirigente non esecutivo Mercedes, è stato sempre capace di respirare autonomamente sino ad ottenere dei miglioramenti. “Da allora ci sono stati dei miglioramenti continui. Tutti gli organi lavorano bene. Il paziente continuerà ad essere curato all’ospedale AKH di Vienna fino a quando non si sarà ripreso completamente”, si legge sulla nota dell’ospedale. L’intervento è stato eseguito da Walter Klepetko, responsabile di chirurgia toracica, e da Konrad Hotzenecker.

Condizioni Niki Lauda, le dichiarazioni di Toto Wolff

Stando a quanto riferiscono alcune fonti Lauda dovrebbe essere anche in grado di tornare al lavoro se riuscirà ad avere un recupero completo, che richiederà diverse settimane. Durante i test stagionali di Budapest della scorsa settimana il team principal Toto Wolff oltre ad augurare una pronta guarigione al collega, ha anche sottolineato come la sua assenza, costante dal debutto della scuderia in F1, nelle ultime due gare sia pesata all’interno del box delle Frecce d’Argento.

“Ci è mancato al nostro fianco ad Hockenheim ed in Ungheria e non vediamo l’ora di riaverlo con noi. La ripresa che deve affrontare non è una corsa ma sono sicuro che preso dirà ad ogni infermiera e ad ogni dottore di averne a basta dell’ospedale”, ha affermato il manager più potente del paddock. Scongiurate quindi le notizie che vedevano l’ex campione del mondo di Formula Uno in condizioni critiche.


Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email

TAG: