Mercedes, paura per Lauda: operato d’urgenza ai polmoni

Pubblicato il: 3 agosto 2018

Condizioni Niki Lauda stabili: in seguito ad una brutta polmonite maturata nell’ultimo periodo l’ex campione di Formula Uno ha subito un trapianto ai polmoni

Per il momento sono tornate stabili le condizioni di Niki Lauda, che da qualche settimana è ricoverato in in ospedale a Vienna. Nella giornata di ieri però è sistemato nel reparto di rianimazione a seguito di  un trapianto di polmone. Il primario di chirurgia toracica dell’Allgemeines Krankenhaus (Akh), Walter Klepetko, autore dell’intervento, si è detto però fiducioso.
“Per il momento tutto procede come previsto”, ha dichiarato alla tv austriaca Orf. Il tre volte campione del mondo di Formula 1 resterà in ospedale per alcune settimane. Secondo le prime ricostruzioni, sembra che il problema sia nato a seguito di una brutta influenza presa ad Ibiza. Non potendo essere curata dai normali farmaci, visto che l’ex pilota ha subito un trapianto dei reni, questa si è trasformata in una brutta polomonite.

Condizioni Niki Lauda, è stabile l’ex campione del mondo di Formula Uno

Situazione che si è aggravata nel corso dei giorni, sino a ieri quando grazie alla presenza di un donatore, Lauda ha ricevuto il nuovo polmone che gli è stato trapiantato. “Un paziente giovane può anche essere dimesso dopo due, tre settimane, mentre per uno più anziano la convalescenza è più lunga” ha spiegato il chirurgo. L’Akh ogni anno effettua circa 120 interventi del genere. Il 69enne, fondatore della compagnia aerea Niki e attuale presidente onorario della scuderia Mercedes, ha già alle spalle un trapianto di reni.
Quindi tanta paura per il patron della compagnia aerea Laudamotion, che come detto durante il soggiorno ad Ibiza, avrebbe sottovalutato i normali sintomi di un’influenza. Solo quando le sue condizioni sono peggiorate, Lauda è rientrato in patria con il suo jet privato, sino a proseguire per il ricovero presso il nosocomio di Vienna.

Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email

TAG: