BMW Serie 1 Sedan, la tre volumi arriva anche in Cina

Nuova trazione, nuovo motore e tanto spazio a bordo per i passeggeri: questa la BMW Serie 1 Sedan che arriva in Cina

MPV Active Tourer che si aggiunge alla trazione anteriore. Questa l’offerta riservata al mercato cinese per la nuova BMW Serie 1 che arriva in Cina. La berlina a tre volumi che verrà realizzata dalla joint venture con Brilliance, all’interno dell’impianto di Tiexi, adotterà un nuovo pianale che trasforma la Serie 1, considerata una delle migliori in Europa per la sua unicità tecnica con motore anteriore e trazione posteriore, in una nuova “tuttoavanti”.

Questa futura generazione riguardo il modello compatto seguirà le stesse sorti anche in Europa, sacrificando però una delle particolarità di BMW come quello del maggior spazio interno al suo interno insieme alla possibilità di sinergie tecniche. La nuova Sedan cinese sarà ben 4 metri e 45 centimetri, con un passo di 2 metri e 67 centimetri: numeri davvero simili a quella della BMW Serie 2 coupé. Creato secondo le esigenze del mercato cinese, questa nuova vettura è stata sviluppata a Monaco di Baviera, con la trazione anteriore ben mascherata dai designer tedeschi.

BMW Serie 1 Sedan: tre motori per il mercato cinese

Trazione anteriore che viene spinta dalle tre unità che BMW propone per il mercato in Cina: due motori 2 litri turbo benzina da 231 e 192 cavalli, presenti per BMW 125i Sedan e BMW 120i Sedan, ed un terzo motore tre cilindri 1.5 litri benzina da 136 cavalli per BMW 118i Sedan. Tra le novità occhio all’impianto di climatizzazione e soprattutto per quel riguarda la qualità del filtraggio dell’aria.

Curati al meglio per il mercato cinese anche il comfort dei sedili posteriori: con questa nuovissima BMW destinata al mercato asiatico infatti chi starà dietro, avrà a disposizione uno spazio per le gambe che si presenta a prima vista davvero superiore se questa vettura viene confrontata con la BMW Serie 1 hatchback, dove il passo è circa 2 centimetri più ampio.


Condividi l'articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

TAG: