Auto elettriche: come scegliere le caratteristiche degli pneumatici

Pubblicato il: 25 Agosto 2015

Come tutti sappiamo le auto elettriche sono un concetto di mobilità in continua espansione, e anno dopo anno aumentano sempre di più i prototipi delle case automobilistiche che lanciano la loro personale versione dell’auto ecocompatibile. Auto che si ricaricano alla corrente, che non inquinano, che non fanno rumore, auto che sembrano direttamente pescate da un film fantascientifico ambientato in un futuro prossimo. Eppure è il presente.

Sulla scia dei grandi produttori di autovetture anche quelli di pneumatici hanno iniziato a studiare e lanciare idee su nuovi concetti di gomma. All’ultimo Salone Internazionale dell’Automobile di Ginevra ad esempio abbiamo potuto notare alcuni prototipi che segneranno inevitabilmente il mercato nei prossimi anni. Si tratta di studi completamente innovativi che ridiscutono le basi di quelle che sono le caratteristiche di ogni pneumatico, ovvero la resistenza al rotolamento e l’aderenza sul bagnato.

Visto che il mondo dell’auto virerà, più o meno velocemente, sull’elettrico, anche il mondo degli pneumatici sta cercando di aggiornarsi su questa nuova grande sfida. In futuro potremmo vedere pneumatici che vadano ad alimentare direttamente le batterie delle auto elettriche. Come? Immagazzinando l’energia dalla luce del sole e l’energia rotazionale durante la corsa dell’auto trasformandola in energia elettrica atta a ricaricare le batterie del motore. Un concetto rivoluzionario che è già nelle mani degli ingegneri di Goodyear che hanno lanciato il BH-03, il primo pneumatico in grado di fare tutto questo. In particolare il BH-03 sarà in grado di generare energia elettrica grazie alla presenza di un materiale termoelettrico, con il quale è costruito, in grado di trasformare in energia il calore contenuto nella gomma sia quando l’auto è ferma (raccogliendo dunque la luce solare), sia durante la marcia dell’auto, con il rotolamento. Il Goodyear BH-03 è assemblato anche con materiale piezoelettrico capace di trasformare in energia elettrica la pressione che viene dall’attrito della struttura in marcia. Il BH-03 possiede una texture nera che va ad aumentare l’assorbimento del calore e della luce, così che la gomma riesca da immagazzinare più calore e quindi a produrre più energia. Secondo un portavoce della Goodyear siamo di fronte ad “un concept innovativo che potrebbe cambiare radicalmente il ruolo degli pneumatici nel futuro”.

La scelta degli pneumatici per le auto elettriche non è quindi facile. Da un lato si dovrebbero scegliere le gomme con una bassa resistenza al rotolamento, dall’altro gli studi e la ricerca delle aziende produttrici ci indicano una strada tutta nuova, quella cioè di un rivoluzionario, assolutamente inedito, tipo di pneumatico, capace di generare energia elettrica. Tali pneumatici aiuterebbero a risolvere uno dei problemi più importanti dei veicoli elettrici, che ne impediscono ad oggi la diffusione di massa, ovvero l’autonomia limitata. Che mai ci dovremmo ricredere in pochi anni?


TAG: