Alfa Romeo GTV, pronti ben 600 CV ibridi per la nuova coupé sportiva

Pubblicato il: 24 agosto 2018

La nuova Alfa Romeo GTV, è la coupè sportiva 2+2 del Biscione: una vettura potente che dovrebbe fare la sua comparsa nel 2021

Adesso le varie Audi RS5, BMW M4 e Mercedes-AMG C63 S Coupe avranno una nuova concorrente con cui scontrarsi. Si tratta dell’Alfa Romeo GTV, ossia la vettura il cui acronimo significa Gran Turismo Veloce. Sergio Marchionne affermò nel piano industriale 2018-2022 (l’ultimo del manager prima della sua scomparsal) svelato lo scorso 1° giugno dai vertici del marchio del Biscione, l’arrivo della poderosa coupè dalle elevate prestazioni. Il suo arrivo sui mercati internazionali è ipotizzato nel 2021.

La futura Alfa Romeo GTV prenderà in eredità molte delle soluzioni stilistiche, ma soprattutto tecniche che sono state previste per la Giulia Quadrifoglio. Anche la nuova Gran Turismo Velocie, nascerà sul pianale della berlina denominato Giorgio, uno degli elementi più apprezzati dalla casa del Biscione, ritenuto vero fiore all’occhiello. Anche se rispetto alla Giulia Quadrifoglio, vi saranno due porte in meno, l’abitacolo della GTV sarà comunque in grado di ospitare comodamente quattro persone.

Alfa Romeo GTV, motore potente per la nuova coupé del Biscione

A livello tecnico la nuova Alfa Romeo GTV sarà un vero e proprio concentrato di sportività. Il cuore della nuova Alfa Romeo GTV sarà il V6 2.9 che già equipaggia la Giulia Quadrifoglio: tuttavia anzichè erogare una potenza di 510 cv, grazie all’apporto di un motore elettrico il V6 sarà in grado di sprigionare la bellezza di circa 600 cv. In tal contesto, la componente elettrica, che sarà denominata E-Boost, sarà in grado di assicurare circa un 25% della potenza totale a fini prestazionali. Nel dettaglio, Car Magazine ha anche lanciato l’ipotesi che il motore elettrico possa garantire anche un’autonomia elettrica di circa 30 km.

Stando a quanto dichiarato da Alfa Romeo, l’invidiabile potenza a disposizione sarà trasferita a terra da una trazione integrale dotata del Torque Vectoring, sistema capace di garantire la migliore distribuzione possibile della coppia motrice a seconda delle diverse condizioni di stabilità, ma sempre con un occhio di riguardo alle prestazioni. Prestazioni che dovrebbero poter contare anche sull’apporto di una perfetta distribuzione dei pesi che nello specifico verrebbe garantita da un ideale rapporto 50:50 tra asse anteriore ed asse posteriore.


Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email

TAG: