Alfa Romeo 4C Nemesis Pogea Racing, arriva una nuova elaborazione della sportiva

Pubblicato il: 24 aprile 2018

Dalla Germania arriva la nuova Alfa Romeo 4C Nemesis Pogea Racing, un elaborazione della sportiva della casa del Biscione

Una nuova versione dell’Alfa Romeo 4C è arrivata. Il lavoro è frutto del preparatore tedesco Pogea Racing che nella sua officina a tarda sera ha deciso di trasformare la supercar italiana, regalando delle prestazioni davvero incredibili. Grazie al tuning del preparatore tedesco, la vettura della casa del Biscione ora è in grado di raggiungere quota 477 CV e 535 Nm.

Quindi ben 237 CV di differenza con la versione originale, dalla quale questa versione differisce per il grande pacchetto estetico che è stato montato sulla vettura. Partiamo dal motore 1750 TBi che è stato sostituito da un inedito propulsore da 1955 litri. Cambi anche la turbina una Garret GTX che s collega con lo scarico Monster Exhaust, che offre due terminali centrali in carbonio.

Alfa Romeo 4C Nemesis Pogea Racing, super prestazioni per la supercar

Il forte e potente motore viene raffreddato dal nuovo sistema, così come nuovo è quello di iniezione, rivisto e ottimizzato dal tuner tedesco. Ritarati l’elettronica e i rapporti del cambio della vettura per garantire delle super prestazioni: infatti La Nemesis assicura un’accelerazione 0-100 km/h in soli 3.6 secondi – pari ad una Mercedes AMG GT R – e raggiunge una velocità massima di 308 km/h.

Per quanto riguarda l’esterno spicca il body kit con l’enorme alettone in carbonio posteriore che ben si fonde con la particolare colorazione in tinta grigio opaco. Sulle cinque unità che verranno prodotte sono presenti anche delle inedite prese d’aria – utili per far “respirare il motore” – e dei cerchi ultraleggeri 18” per l’anteriore e 19” per il posteriore, sul quale possono essere installati degli pneumatici Michelin nella misura 205/40 R18 per l’anteriore e misura 235/35 R19 per il posteriore.


Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email

TAG: